Mascherine

Mascherine FFP2 Farmacia Online

Abbiamo aggiornato questa recensione con delle informazioni maggiori su questa tipologia di mascherina in vendita nelle farmacie e online. Precedentemente parlato della...

Filtri al carbone attivo per Mascherine

Abbiamo scritto molte guide e recensioni sulle mascherine e sulle diverse tipologie in vendita online (mascherine chirurgiche monouso, mascherine ffp1, ffp2, ffp3)...

Fuoco di Sant’Antonio: cibi da evitare

Il Fuoco di Sant’Antonio (detto anche Herpes Zoster) è una condizione medica dolorosa causata appunto dal virus dell’herpes zoster. In Italia si verificano oltre 150 mila casi ogni anno ecco perchè bisogna sapere come trattare questa malattia e come evitarla. Se hai sofferto di varicella, sei suscettibile anche a contrarre il Fuoco di Sant’Antonio e il rischio aumenta con l’età. Mentre i farmaci antivirali possono mitigare i sintomi anche la dieta svolge un ruolo importante per alleviarli. Gli alimenti da evitare con l’herpes zoster includono soprattutto cibi a basso contenuto di nutrienti e quelli con l’amminoacido l-arginina.

Cause del Fuoco di Sant’Antonio

I cibi che contengono l’amminoacido l-arginina possono favorire la replicazione del virus mentre i cibi a basso contenuto di nutrienti indeboliscono il sistema immunitario.

L’herpes zoster è causato da un tipo di virus dell’herpes che colpisce i nervi. Provoca dolore, formicolio e bruciore della pelle, nonché lo sviluppo di prurito e vesciche. Il virus è sostanzialmente lo stesso che causa la varicella. Se hai contratto la varicella in giovane età, il virus rimarrà dormiente nel tuo corpo. In genere si trova nelle cellule nervose; quando viene riattivato e riappare sotto forma di Fuoco di Sant’Antonio. Nella maggior parte delle persone, tuttavia, il virus rimane inattivo e non si risveglia, ma in alcuni casi può ricomparire e allora bisogna sapere come comportarsi. 

Se hai l’herpes zoster, puoi trasmettere il virus varicella zoster a un’altra persona e causare la varicella se quella persona non ha mai avuto la varicella o non ha mai ricevuto il vaccino contro la varicella. Tuttavia il Fuoco di Sant’Antonio non è contagioso. Fra i fattori che possono causare questo disturbo spiccano stress, depressione e disturbi del sonno. La dieta non è un fattore di rischio per l’herpes zoster, ma ciò che mangi può influenzare il modo in cui l’infezione progredisce e si evolve. Mangiare poca frutta e verdura, cibi che rafforzano il sistema immunitario, può essere una delle cause dello sviluppo di questa malattia. 

Sintomi del Fuoco di Sant’Antonio e Cura

Questo disturbo esordisce con alcuni sintomi caratteristici quali formicolio doloroso e prurito della pelle, eruzione di vesciche o piaghe dolorose, spesso su un lato del corpo, febbre e brividi, mal di testa e mal di stomaco. Il Fuoco di Sant’Antonio non può essere curato, ma può essere trattato validamente con alcuni farmaci antivirali come aciclovir, valacyclovir o famciclovir. Se inizi a notare eventuali sintomi di questa malattia, dovresti consultare il medico. Prima si iniziano ad usare i farmaci appositi, maggiore è la probabilità di ridurre la gravità della situazione. 

I farmaci antivirali riducono anche il rischio di sviluppare nevralgia post-erpetica, un dolore cronico che può durare per mesi o anni dopo l’esordio dell’herpes zoster. Potrebbero anche essere prescritti corticosteroidi antinfiammatori, come il prednisone, per il trattamento dell’herpes zoster, specialmente se l’herpes zoster ha colpito gli occhi o altri nervi facciali. 

In genere le bolle tipiche del fuoco di Sant’Antonio hanno un ciclo di 7-10 giorni e si risolvono completamente da sole in circa 2-4 settimane.

Cosa Mangiare per prevenirlo

Il virus dell’herpes zoster prospera quando il sistema immunitario è depresso. Ciò che mangi può influire sul sistema immunitario. E’ bene fare incetta di vitamina A che può essere assunta mangiando carote, patate dolci, cavoli, peperoni rossi, uova e albicocche. Possiamo anche integrare la vitamina C mangiando agrumi, pomodori e papaia e la vitamina E e zinco assumendo semi di girasole e cereali fortificati. La dieta per prevenire il Fuoco di Sant’Antonio prevede anche il consumo di alimenti contenenti vitamina B6, acido folico, ferro e selenio.

Gli alimenti da evitare durante il Fuoco di Sant’Antonio includono quelli che degradano il sistema immunitario. Esempi sono cibi veloci e fritti, qualsiasi alimento ricco di grassi saturi e cibi trasformati. Meglio dare preferenza ad un pollo alla griglia, broccoli al vapore e patate dolci piuttosto che fare incetta di salumi e patatine fritte.

Altri alimenti da evitare con l’herpes zoster sono quelli con molto zucchero aggiunto e quelli a base di farina bianca. Ad esempio dolci, biscotti, ciambelle contengono zuccheri vuoti e non ci aiutano a rafforzare il sistema immunitario. I prodotti vegetali invece sono una potente risorsa nutrizionale quando si tratta di stimolare le cellule immunitarie e le loro molecole complesse. Gli alimenti vegetali, tra cui verdure a foglia verde e frutti succosi, svolgono una preziosa attività antinfiammatoria, antimicrobica e angiogenica.

È noto da tempo che l’amminoacido arginina stimola la replicazione di virus simili all’herpes come mostrato in uno studio effettuato nel 1981. Ecco perchè andrebbe assolutamente evitata. 

Recensione

Lattoferrina Pura: è utile contro il Covid?

La lattoferrina o lactoferrina è una glicoproteina legante il ferro da 80 kDa della famiglia della transferrina che è espressa nella maggior...

Migliori Integratori con Lattoferrina Pura

La nuova pandemia di Coronavirus (COVID-19) sta rapidamente avanzando in tutto il mondo nonostante le drastiche misure di salute pubblica e personale...

Integratori Covid: Lattoferrina e Lisozima

Se state cercando un integratore anti Covid a base di Lattoferrina e Lisozima per aumentare le difese immunitarie contro il virus, anche...

Integratori anti Covid per aumentare le difese immunitarie

Abbiamo realizzato diverse recensioni di integratori anti covid in vendita online che possono essere usati come prevenzione per il Covid, andando ad...

Covid, Dove Fare Il Tampone A Pagamento

Per determinare l'infezione da COVID-19 secondo le linea guida dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) vengono utilizzati oggi due tipi di test. In...