Non mangiare mai più questi tre alimenti se vuoi bloccare l’invecchiamento: parla un famoso neuroscienziato

Forse non lo sai, ma questi 3 alimenti ti fanno invecchiare molto più velocemente: meglio non consumarli mai.

Non è per nulla un’esagerazione: noi siamo quello che mangiamo, motivo per cui se vogliamo stare bene o più in generale teniamo alla nostra salute, è importante seguire un’alimentazione varia, equilibrata, ricca di fibre e che soprattutto non escluda nessuno dei macronutrienti fondamentali per il corretto funzionamento del nostro organismo. In altre parole, la nostra alimentazione influisce più di quanto non possiamo immaginare.

Tre alimenti da non mangiare per non invecchiare
Se mangi questi tre alimenti, smetti subito – (Parafarmaciastore.it)

E oltre ad avere un impatto sul peso e su possibili malattie come diabete e colesterolo (giusto per citare le più famose), quello che mangiamo può anche farci invecchiare prima del tempo. Insomma, non proprio il massimo.

E data anche l’aspettativa di vita più lunga, a seguito di un’accelerazione del mondo occidentale in termini di progresso, sviluppo, benessere e salute, una cura maggiore alla nostra alimentazione, se vogliamo è un’ipoteca per il nostro futuro. Ecco perché secondo un famoso neuroscienziato non dovresti mai mangiare questi tre alimenti. Ma di quali si tratta?

2+1 alimenti da evitare in toto se non vuoi invecchiare prima del tempo

Il neuroscienziato Robert Love su TikTok ha svelato i tre alimenti che andrebbero evitati in toto perché responsabili dell’invecchiamento precoce. Il primo da non consumare secondo l’esperto è la carne grigliata che può aumentare l’infiammazione nel corpo, anche per via della modalità di cottura scelta, contribuendo così a una considerevole formazione di rughe.

Alimenti da evitare per non invecchiare
Attenzione alla carne grigliata – (Parafarmaciastore.it)

Ma anche lo zucchero raffinato si dovrebbe eliminare dalla lista della spesa. Non solo, infatti, lo zucchero è correlato alle oscillazioni di peso, ma anche in questo caso aumenta l’infiammazione. E non finisce qui. Questo alimento, infatti, aumenta il rischio di diabete di tipo 2, un importante fattore di rischio per l’Alzheimer. In questa ultima circostanza ovviamente si fa riferimento a un’invecchiamento psichico legato a un declino cognitivo dovuto alla malattia, ma il principio è sempre lo stesso.

E infine, l’ultimo alimento che Robert Love sconsiglia di mangiare sono proprio i cibi fritti. Spesso ricchi di carboidrati, che siano delle “semplici” patatine fritte o ancora delle verdure in pastella, queste contribuiscono ad aumentare lo zucchero nel sangue. E la frittura nell’olio causa altresì un drastico aumento dell’infiammazione del corpo. Ovviamente privarsene del tutto è un’impresa ardua. Tuttavia, riuscire a limitare il loro consumo costituisce un importante passo in avanti per il tuo benessere psico-fisico.

Impostazioni privacy